Premi


 

 

2017 VICENZA Festival Nazionale MASCHERA D'ORO LA LOCOMOTIVA Miglior Gradimento del pubblico

Media votazione: 4,75 su 5

2017 VICENZA Festival Nazionale
MASCHERA D’ORO
LA LOCOMOTIVA Miglior Attore

E’ certamente un’impresa con un solo attore dare voce a 5 personaggi costruiti dagli effetti tragici ma anche retorici della Grande Guerra. Attorno alla locomotiva in riparazione che trasporta la salma del Milite Ignoto, Gigi Mardegan urla, piange, riflette su una umanità straziata, creando sul palcoscenico una coinvolgente, intensa rappresentazione, ben oltre la semplice bravura richiesta comunque ad un attore.

2015 TREVISO 6° Premio VAINA MOLIN DIESE FRANCHI DE AQUA DE SPASEMNO Miglior Spettacolo

Media votazione: 9,03

2015 FOSSANO (CN) 7° Festival Nazionale
FOLLE D’ORO
MATO DE GUERA
Di G.D.Mazzocato
Miglior Gradimento del pubblico

Media votazione: 9,174

2015 FOSSANO (CN) 7° Festival Nazionale
FOLLE D’ORO
MATO DE GUERA
Di G.D.Mazzocato
Miglior Allestimento

Pochi, essenziali, versatili elementi di impatto violento su una scena che ricrea lo spazio dei ricordi e si fa luogo sofferto della memoria.

2015 FOSSANO (CN) 7° Festival Nazionale
FOLLE D’ORO
MATO DE GUERA
Di G.D.Mazzocato
Miglior Attore
Premio Giuria Giovani
MARDEGAN LUIGI

Il pubblico è stato letteralmente catturato dalla bravura dell’attore in scena che ha saputo COMUNICARE e FARSI COMPRENDERE in pieno con naturalezza e spontaneità. Ha coinvolto gli spettatori con una non comune preparazione attoriale in un turbinio di emozioni che gli hanno consentito di rendere REALE la FINZIONE del teatro.

2015 FOSSANO (CN) 7° Festival Nazionale
FOLLE D’ORO
MATO DE GUERA
Di G.D.Mazzocato
Miglior Attore
MARDEGAN LUIGI

- Con un’interpretazione intensa, coinvolgente, a tratti disperata e disperante, a tratti amaramente ironica, ha saputo INCARNARE il personaggio del “mato” regalando agli spettatori una straordinaria lezione di storia vissuta.

2015 SIRMIONE 5° Festival Nazionale Arte Drammatica MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior gradimento del pubblico

Media 9,264 su 10

2015 SIRMIONE 5° Festival Nazionale Arte Drammatica MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

L’attore ha offerto la maschera di una sofferta alienazione nella sua completezza; il disordinato cumulo delle diverse tragiche circostanze, che via via si affastellavano alla memoria, sono state mirabilmente esposte al pubblico grazie alla sensibilità, all’alto tasso di tecnica interpretativa insieme ad una eccezionale ricchezza di colori.

2015 CAMISANO VIC. (VI) 3° Festival Regionale
STA SERA A TEATRO
DIESE FRANCHI…
Di R.Cuppone
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

Per la straordinaria interpretazione, comica e drammatica, espressa nei vari personaggi maschili e femminili della remota campagna veneta, che con maestria ha reso reali e credibili nel monologo di Roberto Cuppone

2013 TRIESTE Festival Internazionale “Ave Ninchi” BARCARO
Di R.Cuppone
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

"Per aver disegnato con fine psicologia e calda umanità un personaggio che, nel racconto, è diventato simbolo palpitante di una vita e di una terra”

2013 VICENZA Festival Naz.le MASCHERA D’ORO DIESE FRANCHI…
Di R.Cuppone
Miglior gradimento del pubblico
2013 VICENZA Festival Naz.le MASCHERA D’ORO DIESE FRANCHI…
Di R.Cuppone
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

Gigi Mardegan, impegnato in un difficile, affascinante monologo, veste con disarmante naturalezza i panni dei diversi personaggi: da solo ci restituisce come in un unico affresco un vissuto che sembra di un altro pianeta e che invece ha suoni, parole e gesti che ci sono ancora prossimi, facendone avvertire l’eco quasi che quella realtà fosse ancora a noi vicinissima.
Tra parole, a volte dure a volte dolcissime, tra respiri, silenzi, espressioni e movimenti, Mardegan ci accompagna nell’anima dei suoi personaggi, stracciando ogni finzione, gettando via qualsiasi maschera con un’abilità e una commozione di travolgente intensità”

2012 BARBARANO VIC. (VI) GRAPPOLO D’ORO DIESE FRANCHI…
Di R.Cuppone
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

Luigi Mardegan ha saputo restituire in scena, con poderosa invenzione d’attore, delle immagini commoventi di vita passata, raccontando e recitando alcune scene con una dolce familiarità dalla potente efficacia, conferendo allo spettacolo quel ritmo perfetto e quella sottile vena di riflessione, che fa di quest’interprete uno stimato e preparato attore della scena veneta, che con i suoi monologhi è stato capace di catturare l’attenzione del pubblico, farlo emozionare e riflettere.

2011 BAGNOLI DI S. (PD) GOLDONI & DINTORNI DIESE FRANCHI….
Di R.Cuppone
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

La dolente umanità - dai tratti molto "veneti" - dei personaggi cui Mardegan dà vita viene così vividamente tratteggiata da evocare immediatamente un'atmosfera di commossa nostalgia unita a crudo realismo e la stalla nella quale essi si muovono è la stessa stalla ove i nostri avi hanno pianto, riso, ballato, sofferto ma, soprattutto, sacrificato la loro esistenza nel duro lavoro quotidiano. Sembra adattissimo all'interpretazione di Mardegan un famoso giudizio di Borges a riguardo di Ghoethe "Gagliardo contadino dell'arte, le sue mani reggono l'aratro e segnano la zolla".

2011 ERBIL - IRAQ Festival Internazionale MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato

Il MATO DE GUERA rappresenta l’Italia al 1° Festival Internazionale del Teatro.

2011 BOVOLONE (VR) Festival Reg.le BARCARO
Di R.Cuppone
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

“Ha riempito il palcoscenico di una forza contagiosa salendo e risalendo il fiume della vita, ha remato  in corrente e contro diventando tutt’uno con l’acqua e la barca”

2007 MIRA (VE) CONCORSO “Raixe in scarsea” – La Piccionaia QUARANTOTO, A REPUBLICA DEI MATI
Di Roberto Cuppone
Miglior spettacolo

Un testo che parla della nostra storia passata con puntuali riferimenti all’attualità, messo in scena con grande cura dell’aspetto scenico e spettacolare e interpretato in maniera magistrale dall’attore Luigi Mardegan, “saltimbanco” che commuove, provoca, che rapido ferisce e un attimo dopo muove al riso, utilizzando una fisicità che inchioda alla scena per 90 rapidi minuti.

2007 PONTE NELLE ALPI (BL) FESTIVAL NAZ. “Dego” MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior gradimento del pubblico

Votazione media ottenuta: 9,90.

2007 PONTE NELLE ALPI (BL) FESTIVAL NAZ. “Dego” MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

“Per la straordinaria presenza scenica, la partecipazione fisica ed emotiva, l’intensità della sua interpretazione del personaggio di Ugo Vardanega”.

2007 BARBARANO VIC. (VI) GRAPPOLO D’ORO QUARANTOTO, A REPUBLICA DEI MATI
Di R.Cuppone
Miglior spettacolo

“Mardegan (interprete unico) e Cuppone (autore del testo e regista) si sono inventati un “teatro della memoria” che distrugge le consuete regole, destabilizza il nostro tranquillo modo di essere lasciandoci alla fine qualcosa che ci rende più ricchi. Dieci e lode ad uno spettacolo che sa sconvolgere, che parte dal basso per raccontare una storia che avevamo sempre sentito recitare solo dall’alto”.

2007 BAGNOLI DI S. (PD) GOLDONI & DINTORNI MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior gradimento del pubblico

“Interpretazione di estrema drammaticità di una storia vera ancora più vicina a noi per l'uso della lingua veneta. Uno spaccato di storia che ha coinvolto il pubblico rendendolo partecipe in un silenzio montante sfociato in un interminabile applauso finale".

2007 BAGNOLI DI S. (PD) GOLDONI & DINTORNI MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

“Straordinaria, magistrale performance dell’attore trevigiano che per 90 minuti ha letteralmente ipnotizzato il pubblico in una appassionante e commovente girandola di suggestioni ed emozioni”.

2004 VERONA FESTIVAL Naz.le AUTORE
CONTEMPORANEO
MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

Con tenerezza esausta e alto, straziato grido di rabbia e impotenza, Luigi Mardegan restituisce in scena, con poderosa invenzione d’attore, la vita lacerata di un uomo, vittima di quella follia collettiva chiamata guerra. La sua terribile esistenza, sempre in trincea, è quella di un “paria della ragione” (per usare un’espressione di Sarah Kane), di un “ultimo” della società contro cui si rovesciano e accaniscono senza pietà le storture di un sistema che, sulla pelle di un individuo, vuole, prima di tutto, garantire se stesso.
Bravissimo nel racconto dei misfatti subiti, così come della dolce intimità sognata, Luigi Mardegan, con materiali di scena contenziosi, orripilanti, crea immagini di potente efficacia e dà allo spettacolo quel ritmo perfetto in cui non trova spazio nessuna consolazione.

2004 VERONA FESTIVAL Naz.le AUTORE CONTEMPORANEO MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior spettacolo

Spettacolo di forte impatto emozionale e visivo, Mato de guera si basa su una scrittura drammaturgica che riesce a imporre, parola dopo parola, la propria ineludibile necessità. Testo e “messa in scena”, in questo spettacolo ricco altresì dei segni della contemporaneità, riescono a trasformare un presunto caso clinico in un raffinatissimo e coraggioso atto di accusa contro tutte le guerre, e contro quelle strutture coercitive che invece di medicare e guarire condannano sempre di più l’individuo all’isolamento e alla follia. Gli elementi della scena, precisi, essenziali, moltiplicano lo spazio nei tanti luoghi della memoria, del rimosso, della disperazione e della nostalgia di una vita perduta nell’orrore.

2003 VENEZIA TROFEO GOLDONI MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior spettacolo

Media votazione: 9,85 su 10

2003 VICENZA Festival Naz.le MASCHERA D’ORO MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior gradimento del pubblico
2003 VICENZA Festival Naz.le MASCHERA D’ORO MATO DE GUERA
Di G.Mazzocato
Miglior attore
MARDEGAN LUIGI

“Impegnato, da protagonista unico, in un testo particolarmente vario e difficile, grazie alla sua versatilità verbale e gestuale, è riuscito a fornire una interpretazione profondamente partecipe e vivamente coinvolgente, evidenziando, attraverso le contraddizioni del personaggio Ugo, interessanti riferimenti alla realtà attuale”.

2000 VENEZIA TROFEO GOLDONI L’OMO NERO
Di L.Mardegan
Miglior spettacolo
1998 GORIZIA Festival Naz.le Castello di Gorizia COSI’ FAN TUTTE!
Di G.Casanova e Piero Chiara
Miglior attrice
ALDA CAPODAGLIO
1998 GORIZIA Festival Naz.le Castello di Gorizia COSI’ FAN TUTTE!
Di G.Casanova e Piero Chiara
Miglior regìa
MARDEGAN LUIGI
1994 VICENZA Festival Naz.le MASCHERA D’ORO IL TRADIMENTO DELLA LOCANDIERA
Di A.Durante
Migliore allestimento
1992 VICENZA Festival Naz.le MASCHERA D’ORO I MENECMI
Da Plauto
Miglior attore
ALESSANDRO TOGNETTI
1989 VENEZIA Veneto Festival LA VEDOVA SCALTRA
Di C.Goldoni
Miglior Attrice protagonista
SILVIA MATTIUZZO
1989 VENEZIA Veneto Festival LA VEDOVA SCALTRA
Di C.Goldoni
Miglior regìa
MARDEGAN LUIGI
1987 SORBOLO (PR) 1° Festival Nazione
Attore solista
DIETRO LA PORTA
Di M.Bonsante
Vincitrice
SILVIA MATTIUZZO
1986 CHIETI Festival Nazionale LA FINTA AMMALATA
Di C.Goldoni
Miglior attore caratterista
GIROTTO MARIO
1986 CHIETI Festival Nazionale LA FINTA AMMALATA
Di C.Goldoni
Miglior regìa
MARDEGAN LUIGI
1986 PESARO Festival Naz.le Arte Drammatica LA MANDRAGOLA
Di N.Machiavelli
Miglior regìa MARDEGAN LUIGI
1985 CHIETI Festival Nazionale IL MALATO IMMAGINARIO
Di Molière
Miglior attrice
Caratterista
SILVIA MATTIUZZO